salta al contenuto

Ricerca di famiglie disponibili

Di seguito vengono pubblicati gli appelli per minori (l’indicazione del nome è di fantasia) che presentano problemi neurologici, psichici, genetici, e che hanno trovato difficoltà ad essere accolti in famiglie che hanno presentato domanda per l’Adozione Nazionale al Tribunale per i Minorenni di Milano.
Le famiglie che desiderano rendersi disponibili a valutare e approfondire la conoscenza di queste situazioni, possono inviare una mail a Tribunale per i Minorenni (.tribmin.milano@giustizia.it">cancelleriaadozioni.tribmin.milano@giustizia.it), all’attenzione della dr.ssa S. Testero, indicando il minore per il quale si intende offrire la disponibilità, riportando i propri dati e i recapiti telefonici, e verranno contattate per un iniziale colloquio telefonico.

 
 

Minori collocati in famiglia

8 agosto 2019
 
Il Tribunale per i Minorenni di Milano cerca una sola famiglia adottiva per Giulio e Antonio, due fratelli di 4 anni e mezzo e 6 anni, che nonostante un passato di grave trascuratezza e degrado affettivo sono di bell’aspetto, sorridenti e allegri.
“Io, Antonio, sono il fratello maggiore e ho bisogno di routine stabili e tanto affetto. Grazie alla scuola dell’infanzia che frequento con un insegnante di sostegno, alla riabilitazione e alle cure della “casa dei bimbi” negli ultimi due anni e mezzo sono cresciuto sia nella mia intelligenza sia nel comportamento e ancor meglio potrò fare con una mamma e un papà. Ancora scarabocchio perché non tengo bene la matita nella mano, sono impacciato nei movimenti e fatico a capire i dettagli perché non riesco a mantenere a lungo la concentrazione su una cosa, però ora so cercare le cure dei grandi con meno provocazioni, ho una memoria formidabile e riesco a farmi capire benissimo. Sono un bambino molto curioso e chiedo spesso il “perché” delle cose anche più volte per avere l’attenzione dei grandi che devono essere con me affettuosi ma autorevoli. Io capisco molto bene i “no” e dopo qualche tentativo di fare a modo mio sono capace di ubbidire e di ricordarmi la regola. Per la notte mi addormento con una favola o una ninna nanna e mi sveglio raramente ma quando accade è sufficiente un abbraccio e un bacio per riaddormentarmi. Se sono agitato o in difficoltà, il racconto di storie di cui sono il protagonista mi aiuta a gestire le mie emozioni e così la descrizione di quello che sta per succedere non mi fa avere paura dei cambiamenti. I miei giochi preferiti sono le costruzioni e la cucina dei piccoli e mi piace ballare, andare a scuola e ancor di più nuotare e stare all’aria aperta, magari in compagnia di qualche animale con cui vado molto d’accordo. Da grande ho il sogno di fare il cuoco oppure il giardiniere ma in una situazione dove non avrò tante cose difficili da organizzare.”
“Io, Giulio, sono il fratello minore e voglio tanto bene ad Antonio che cerco durante la giornata e anche per addormentarmi. Antonio è il primo a conoscere le persone nuove mentre io sono inizialmente più timido ma poi dimostro curiosità e un’intelligenza vivace. Alla scuola riesco a fare tutto quello che fanno i miei compagni e seguo con piacere le cose che mi propongono. Mi piace fare domande e conoscere le cose e sono diventato molto bravo a parlare. Anche se so fare tante cose da solo come vestirmi, addormentarmi e mangiare, mi piace quando i grandi mi aiutano e ancora di più quando mi abbracciano nei momenti in cui mi arrabbio e piango perché non riesco sempre a esprimere le mie emozioni a parole. Anche a me piace nuotare, muovermi in bicicletta, giocare a calcio e stare all’area aperta e proprio come Antonio mangio tutto e dormo tranquillo. Aspettiamo dei genitori che ci accolgano insieme dedicandosi a noi con pazienza e amore anche con l’aiuto di amici, cugini, zii e nonni perché sappiamo di essere un bell’impegno ma siamo sicuri di poter dare anche tante soddisfazioni e altrettanto amore”
Nel mese di settembre 2019 Giulio e Antonio hanno trovato una famiglia
 
20 giugno 2018
 
Il Tribunale per i Minorenni di Milano cerca una famiglia accogliente anche con figli grandi disposta ad adottare Renato, un bel bambino con gli occhi neri di otto anni appena compiuti, dai capelli scuri e l’aria timida che non ha mai sperimentato un rapporto affettivo esclusivo, avendo vissuto in comunità negli ultimi anni dopo l’allontanamento da una situazione familiare di estrema trascuratezza e gravi maltrattamenti.
E’ un bambino molto affettuoso che cerca la relazione con l’adulto e con i bambini più piccoli di lui con cui riesce a sintonizzarsi meglio a causa della sua “immaturità”.
Attualmente è seguito da servizi specialistici che lo aiutano, con opportune terapie, ad affrontare le sue difficoltà con un percorso in cui lui collabora in modo positivo.
Nel mese di maggio 2019 Renato ha trovato una famiglia
 

2 marzo 2018

Il Tribunale per i Minorenni di Milano cerca una famiglia adottiva per Marco, bambino di dodici anni che si presenta:
"Sono un bambino di colore molto affettuoso e coccolone, vorrei solo giocare, mangio molto volentieri di tutto, incluse le verdure ed amo il calcio.
Sarò un po’ “bambino” anche da grande, forse.
Ho la necessità del sostegno a scuola e vado in psicoterapia perché stavo male nella mia famiglia dove ho subito dei traumi.
Soffro di un ritardo cognitivo medio, ora vivo in una casa-famiglia da ben cinque anni dove mamma e papà mi vogliono molto bene. Mamma si prende molta cura di me e della mia salute, con il papà gioco tanto.
Con me c’è anche mia sorella minore che però sta per andare via, perché le hanno trovato una famiglia adottiva. Quando il Giudice me l’ha detto ero triste, ma poi ora va un po’ meglio.
Anch’io vorrei la famiglia ! L’aspetto da tempo anche se so che le mie difficoltà stanno rallentando questa ricerca.
Mi piacerebbe, mi farebbe molto bene se nella famiglia adottiva ci fossero dei fratelli maggiori ed anche un contesto famigliare allargato, perché la presenza di altri ragazzi mi stimolerebbe molto."
Nel mese di marzo 2019 Marco ha trovato una famiglia
 

12 gennaio 2018

Il Tribunale per i Minorenni di Milano cerca una famiglia adottiva accogliente per Simone, un bel bambino di sei anni e mezzo che frequenta la prima elementare con insegnante di sostegno.
E’ un bambino in buone condizioni fisiche adeguate alla sua età, vivace, socievole, di incarnato scuro, da accompagnare in un percorso di crescita con l’aiuto di terapie a lui necessarie.
Per lui sarebbe desiderabile una famiglia serena, affettuosa e comprensiva, con figli già grandi, amanti delle attività sportive che lui predilige, in particolare l’atletica; ama molto gli animali ed i cani, appena possibile fa delle gite in bicicletta.
Sarebbe opportuno che la famiglia potesse rivolgersi agevolmente ai servizi specialistici per le terapie ed i controlli sanitari, quando necessari, aiutandolo a superare le esperienze dolorose che ha, precedentemente, vissuto.
Nel mese di maggio 2018 Simona ha trovato una famiglia
 

18 dicembre 2017

Il Tribunale per i Minorenni di Milano cerca una famiglia serena ed affettuosa anche con figli di età diverse disposta ad accogliere in adozione Ambra, una bambina di due anni con occhi grandi e capelli ricciuti neri.
La bambina è sorridente, socievole, allegra ed affettuosa. Si impegna con l’aiuto della riabilitazione a superare le difficoltà della sua patologia congenita che ritarda lo sviluppo psicomotorio e riduce le capacità visive.
Nel mese di marzo 2018 Ambra ha trovato una famiglia 
 

29 novembre 2017

Il Tribunale per i Minorenni di Milano cerca una famiglia adottiva affettuosa ed accogliente per Paolo, bambino di sette anni tenero e bisognoso di affetto, attualmente in comunità per una sua precedente storia famigliare dolorosa.
Il bambino è affetto da una malattia genetica che gli permetterà una crescita regolare con dei deficit somatici che potranno essere attenuati con interventi chirurgici.
Paolo è socievole, giocoso, frequenta regolarmente la scuola elementare con un ritardo per difficoltà cognitive e di linguaggio.

 

4 ottobre 2017

Luigi è un bambino di 11 anni con 1 fratello più grande che è già stato adottato.
Per lui sarebbe ideale una famiglia accogliente e serena con figli già grandi.

Luigi è un bambino con disturbi dell’attaccamento e con difficoltà a gestire le emozioni per precedenti esperienze famigliari traumatiche; ama molto l’attività sportiva frequentando con successo centri sportivi.
Nel mese di ottobre 2018 Luigi ha trovato una famiglia